studi umanistici

Perché gli Studi Umanistici Servono Anche nel Terzo Millennio

Molti sono i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nella scuola italiana, e il futuro del nostra paese sembra sempre meno roseo.

Questo per colpa della politica che ci governa o anche per colpa della gioventù moderna? Io opterei più per la seconda alternativa, ma purtroppo un contributo negativo viene dato anche dalle istituzioni.

L’argomento che oggi trattiamo in breve, ma sul quale si potrebbero aprire numerosi dibattiti, riguarda l’utilità degli studi umanistici sia nel presente sia nelle generazioni future.

Quando ancora facevo parte della categoria “studente di liceo”, mi chiedevo molto spesso a cosa servisse studiare materie come il latino, la filosofia o la storia, quando poi nella vita non si parla affatto di argomenti di questo tipo.

Beh,chi risponde per “cultura personale”, chi altro “per riempire le ore di buca a scuola”, chi invece “inutili, ma ci sono”.

Ma inutile girarci intorno, la risposta alla domanda la conosciamo molto bene, ma non vogliamo ammetterlo perchè alla gioventù moderna, compreso me, la verità non piace.

In un mondo in cui ci si basa solo sull’apparenza, sul divertimento, sulla moda, quale interesse o stimolo potrebbe invogliare un ragazzino a conoscere le scienze umanistiche?

Non farlo però è davvero sbagliato. Perchè? Posso farvi dei semplici esempi.

Il primo riguarda la conoscenza della storia, in particolare il semplice concetto della nascita dell’Italia unita.

Se non studiassimo la storia, se non conoscessimo le leggi o ciò che è accaduto negli anni precedenti, come faremmo a vivere? Se la Costituzione italiana non fosse stata scritta, al giorno d’oggi come ci saremmo comportati? L’avremmo iniziata a scrivere nel presente, segnando però un’era storica, che però poi sarebbe rientrata nei futuri libri di storia. E rientrare nei libri di storia non è altro che la dimostrazione della necessità di comprendere ciò che è accaduto, non vi pare? Allora si, che potremmo dire che studiare la materia scolastica “Storia” è importante.

Vogliamo parlare del latino? La famosa lingua madre da cui è nato anche l’italiano? Se non fosse esistita, come avremmo comunicato?

Anche se non ci crederete, ho riassunto in 5 punti l’importanza della conoscenza di quella che noi chiamiamo “materia inutile”:

  1.  Aiuta a conoscere le proprie radici culturali: La letteratura latina ci aiuta alla comprensione del presente come figlia del passato, come ad esempio i concetti di unità dello stato, la religione…
  2. Aiuta a comprendere la realtà: Se non avete mai provato nella vostra vita a ritagliare un po’ del vostro tempo a conoscere la materia, non potrete mai comprendere di quale realtà sto parlando.
  3. Sviluppa la logica: Grazie a tutte le sue declinazioni e regole, il latino è a tutti gli effetti una lingua su cui bisogna saper ragionare.
  4. Insegna espressioni e linguaggi eleganti e significativi: Tutti noi, almeno una volta nella nostra vita, avremo sentito qualcuno che avrà pronunciato qualche frase in latino!
  5. Aiuta a conoscere i grandi autori del passato: Grandi letterati come Orazio, Virgilio, Seneca, Cicerone permette di farci comprendere i pensieri dei grandi del passato, di effettuare un confronto con essi e di scoprire il loro pensiero.

Potrei andare avanti all’infinito, ma ho deciso di darvi solo alcuni spunti affinchè nasca una piccola riflessione in voi… Vi ho convinto almeno un po’?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *